“IL MIRACOLO DELLA PRESENZA MENTALE” – Venerdì del libro

Quando si parla di meditazione si ha sempre l’impressione di affrontare un argomento estremamente misterioso, ai confini dell’esoterico e del soprannaturale, collegato a pratiche strane, potenzialmente capaci di catapultare il praticante di turno in chissà quale universo parallelo. E’ spesso così anche nel mondo degli “addetti ai lavori”, di coloro che addirittura lavorano con queste pratiche. Esistono naturalmente diverse modalità e approcci meditativi, che divergono a seconda della tradizione di provenienza e per gli scopi ultimi che si propongono, ma quello che è certo è che si tratta di una condizione molto più semplice di quello che si potrebbe immaginare e, altrettanto sicuramente, difficile da raggiungere se non adeguatamente allenati a portare la coscienza su un diverso piano di ascolto e apertura rispetto alla realtà e al mondo che ci circondano. Tale dovrebbe, in effetti, essere la condizione umana “naturale”, ormai persa invece non si sa da quanti millenni per misteriose circostanze nell’evoluzione della specie.

Il libro di Thich Nhan Hanh, monaco e notissimo esponente del buddismo zen vietnamita, nonché autore di numerosi libri sul tema della meditazione e della non-violenza, sgombera il campo da qualsiasi dubbio esistenziale sulla vera essenza e sul senso del meditare: tornare alla presenza mentale, alla totale consapevolezza del momento e di ciò che in quel momento semplicemente è. “Come praticare la presenza mentale? La mia risposta è: concentratevi su quello che state facendo, siate vigili e pronti a gestire ogni situazione con abilità e intelligenza. Ecco la presenza mentale”.

Nessun rituale complesso o misterioso, nessun rito iniziatico, nessun guru a indicarci strade segrete: solo noi, la nostra consapevolezza e ciò che circonda, di momento in momento. Facile: per niente proprio 😉

Se mentre laviamo i piatti pensiamo solo alla tazza di tè che ci aspetta e ci affrettiamo a toglierli di mezzo come se fossero una seccatura, non stiamo “lavando i piatti per lavare i piatti”. Direi di più, in quel momento non siamo vivi.
Questo perché, mentre siamo davanti al lavandino, siamo assolutamente incapaci di accorgerci del miracolo della vita. Se non sappiamo lavare i piatti, è probabile che non riusciremo nemmeno a bere la nostra tazza di tè. Mente beviamo il tè, non faremo che pensare ad altre cose, accorgendoci a stento della tazza che teniamo tra le mani. 
Così ci facciamo risucchiare dal futuro, incapaci di vivere veramente un solo minuto della nostra vita”
.

Questo post partecipa al “Venerdì del libro” di Homemademamma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...