“UN’IDEA DI DESTINO” – venerdì del libro


Due pensieri hanno caratterizzato la lettura di questo libro. Il primo, corrispondente più o meno alla prima metà del testo, ha esordito con un mio personalissimo interrogativo, ovvero se fosse davvero il caso di pubblicare – postumi, a distanza di diversi anni dalla morte – i testi dei diari personali di Tiziano Terzani, che abbracciano una durata di circa trent’anni, dal momento in cui venne espulso dalla cina comunista, fino a poco prima della sua morte, avvenuta nell’estate 2004. Il secondo, emerso al termine delle circa 400 pagine di lettura, è che se non avessi letto questo libro sarei sicuramente un po’ più povera.

Spiego il primo pensiero, perché potrebbe essere malinteso, nel senso di non considerare degni di valore i diari di quegli ormai lontani anni. Non è così, naturalmente, ma mi sono domandata se mostrare al mondo la più assoluta intimità della persona, senza filtri, senza revisioni editoriali che rendano certi pensieri più “pubblici o pubblicabili” avesse davvero un senso e non potesse essere considerato un atto poco rispettoso nei confronti di qualcuno che non ha più possibilità di esprimere il proprio punto di vista.

Ed è proprio la seconda parte del libro che meglio risponde a questo interrogativo: mostra il Terzani uomo, con tutte le caratteristiche di umane, inclusi fragilità e difetti, che paradossalmente sembrano in qualche modo passare in secondo piano negli ultimi anni di vita, dopo la scoperta della malattia che gradualmente pare diventare il suo vero percorso di vita, aprendogli la strada verso una consapevolezza prima sconosciuta o solamente intravista.

Per chi già conoscesse l’autore è possibile apprezzare numerosi “dietro le quinte”, incontri, esperienze e spunti utilizzati per la stesura di alcuni tra i suoi libri più noti e di successo. Per me è stata una grande sorpresa conoscere la realtà del processo creativo che ha portato alla pubblicazione di quello che considero un assoluto capolavoro “Un altro giro di giostra”, e che nell’esperienza di Terzani pare essere stato un parto complesso e sofferto, con continui blocchi e ostacoli che lo porteranno a terminare il libro a ridosso degli ultimi momenti di vita.

Ciò che comunque emerge è la grandissima forza interiore di quest’uomo, che al termine di una vita straordinaria (letteralmente “fuori dall’ordinario”) e sicuramente caratterizzata da una forte inquietudine esistenziale, che lo ha infatti portato a una continua ricerca del senso dell’esistenza, arriva a far pace con ciò che è, con la sua storia e le sue radici, andando fiero della propria individualità e unicità che rimarrà orgogliosamente tale anche quando le esperienze di vita sembrano averlo portato lontano anni luce dal luogo di partenza.

Il mio essere qui, ora, a cercare di scrivere, fa continuare la storia e le dà l’ultimo capitolo, il più vero: non ci sono scorciatoie, tanto meno quella di un guru che ti apre la via. Questo è un aspetto che varrà la pena di sottolineare, anche per mettere in guardia futuri giovani viaggiatori dal restare intrappolati da questa idea che “c’è bisogno di uno che fa luce”. Che la faccia, ma poi tocca a noi giudicare, valutare, fare la nostra esperienza. Vivek mi ha aiutato moltissimo (…) perché mi ha fatto vedere le cose da un altro punto di vista, nel quale ho trovato conforto, forza e ispirazione per mettere a punto un mio modo di vedere la mia vita. Non per comprare a scatola chiusa un pacchetto di idee che – a essere cattivo – non vedo funzionare bene neppure col suo rivenditore.”

Questo post partecipa al “Venerdì del libro” di Homemademamma.

Annunci

Un pensiero su ““UN’IDEA DI DESTINO” – venerdì del libro

  1. Beh, che dire? Si vede proprio che adori questo scrittore. Secondo me pubblicare i diari postumi è sempre una buona idea, proprio per far emergere tutto il dietro le quinte e l’interiorità di uno scrittore.
    Complimenti per la recensione 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...