Il venerdì del libro: “LA REGOLA DELL’EQUILIBRIO”

libro

Erano anni che aspettavo di leggere un nuovo romanzo dell’avvocato Guerrieri, dopo aver letteralmente divorato i precedenti volumi ed aver più volte pensato che nulla avrebbe potuto competere con quelle pagine di Gianrico Carofiglio. Col tempo i ricordi si sono un po’ affievoliti, ma il livello di aspettativa restava ovviamente altissimo.

“La regola dell’equilibrio” per trama non mi ha fatto impazzire: sicuramente il tema (il super-giudice accusato di essere corrotto) è interessante e attuale, ma a mio parere la storia in sé non riesce a competere con quelle precedenti per pathos, suspense e complessità. C’è però da dire una cosa, che ho sempre pensato e che ritengo di confermare: Carofiglio scrive da dio e l’analisi psicologica dei personaggi, così come la loro descrizione, è sicuramente qualcosa di sublime. Ci sono pagine che rendono meglio di un trattato chi è l’essere umano e “come funziona”.

Io aspetto quindi la prossima puntata.

P.s. e punta di italico orgoglio: i romanzi di Gianrico Carofiglio, così come quelli di Andrea Camilleri, sono sempre tra i best-seller stranieri nelle librerie di Zurigo.

“Mi ero sentito fragile. Avevo pensato che se non era successo in quell’occasione sarebbe potuto succedere tra qualche mese, tra qualche anno. Era subentrata una paura diversa da quella del giorno prima. Una era un dolore acuminato, l’altra una febbre flaccida. Tutte e due umilianti, in modo differente. Quando il medico mi aveva telefonato per dirmi che gli esami erano sbagliati, avevo pensato che le lancette venivano riportate indietro, che la mia vita sarebbe ripresa uguale lì da dove si era interrotta. Ma non era così. La mia vita era cambiata, e in modo irreversibile, dopo quelle ventiquattro ore”.

(Questo post partecipa a “Il venerdì del libro” di Homemademamma).

Annunci

3 pensieri su “Il venerdì del libro: “LA REGOLA DELL’EQUILIBRIO”

  1. Adoro Carofiglio e questo libro e’ già nella mia libreria, in attesa di essere letto.
    Non sapevo che Carofiglio fosse così apprezzato in Svizzeria. Su Camilleri non mi prenuncio, io non lo reggo proprio.

    Mi piace

  2. ah… e io che speravo e visto che ho le medesime aspettative, rimando alla edizione economica…
    grazie per aver condiviso la tua recensione

    Mi piace

  3. Ho sempre sentito ben parlare dell’avvocato Guerrieri, ma non ho ancora letto nessua delle sue avventure…. Magari comincerò dalle precedenti, per conoscerlo meglio gradatamente come personaggio, che dici?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...