TUTTI GIU’ PER TERRA!

Immagine tratta dal sito: www.pollicegreen.com

Immagine tratta dal sito: http://www.pollicegreen.com

Riflettevo su una cosa in questi ultimi giorni, una cosa alla quale, nella stragrande maggioranza dei casi, non siamo più abituati. Stare a terra, seduti, sdraiati. Io mi sono lentamente riappropriata di questa abitudine in anni relativamente recenti, da quando ho iniziato a praticare yoga e ancor di più da quando vivo in una casa con il parquet e il riscaldamento a pavimento 😉 Non è possibile prescindere dall’appoggio al suolo, in qualsiasi posizione esso sia, durante una pratica. E ed è proprio quello stare in stretta e costante comunicazione con la terra che consente di lavorare su di sé in un certo modo, diversamente sarebbe impossibile.

I bambini iniziano da piccoli a vivere il contatto col mondo, dopo i primi mesi passati sdraiati o in braccio ai genitori, proprio sdraiandosi, sedendosi, gattonando, rotolandosi a terra. Spesso, da un certo punto in poi della loro vita, arriva un imperativo assoluto a modificare drasticamente questo dato di fatto: “Alzati! Non stare lì sdraiato/seduto!” spesso accompagnato dall’ulteriore giustificazione “che per terra E’ SPORCO!” Si perde molte volte in questo modo una capacità sia fisica che psicologica di stare in quelle posizioni e in quello stato d’essere, capacità che magari ci si ritrova faticosamente a rincorrere anni e anni dopo.

Il pretesto simpatico per scrivere questo post me l’hanno fornito i miei genitori che, dopo aver trascorso qualche ora nel fine settimana con la Creatura in mia assenza, mi hanno fatto drammaticamente notare che il bambino continuava a sedersi per terra in ogni dove (più precisamente nel centro commerciale), dove avrebbe potuto prendersi chissà quale malattia mortale dal contatto con un pavimento contaminato da miliardi e miliardi dei peggiori possibili microorganismi. Intendiamoci, non lo incoraggio neppure io a praticare il rotolamento selvaggio in tali circostanze, ci mancherebbe, anche per motivi di adeguata educazione, ma la reazione che il comportamento ha suscitato in loro mi è sembrato un tantino eccessiva nella drammaticità delle possibili conseguenze. E sarà anche che il paio d’anni di vita svizzera mi hanno un tantino influenzata su certe “fissazioni” italiane.

Ma la cosa più simpatica di tutte è stata che, proprio mentre ascoltavo “impassibile” le loro rimostranze, noi stavamo preparandoci per una cena-pic nic sul pavimento di casa 🙂

 

Annunci

2 pensieri su “TUTTI GIU’ PER TERRA!

  1. Capisco benissimo questa situazione.
    Anche noi abbiamo il parquet con il riscaldamento a pavimento.
    E naturalmente tutte le case che non lo hanno mi sembrano fredde e inospitali!
    E con il riscaldamento sotto il parquet è normale stare scalzi o al massimo con i calzini e sedersi a terra.
    Il nostro cinquenne è talmente abituato a stare senza scarpe in casa( e alla scuola materna rigorosamente con le pantofole), che appena entra in una qualsiasi altra casa si toglie le scarpe. E poverino non capisce perché io gli proibisca questa cosa soprattutto quando siamo fuori dalla Svizzera, dove la maggior parte dei pavimenti sono freddi ( e le case anche!)e, purtroppo, a volte non puliti perché pochi si tolgono le scarpe in casa.
    In effetti ho da poco scoperto che alla scuola materna in Italia in effetti non mettono le pantofole( per lo meno a Roma). Quindi tra il freddo e la scarsa pulizia anche alla materna non si siedono in terra, immagino….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...