JET LAG

Sono avvolta in una fitta nebbia, anche se il fato stavolta è stato particolarmente benevolo, e il cielo di Zurigo ci ha riaccolti più limpido e luminoso che mai, in una di quelle rare giornate invernali come solo febbraio può regalare.

Speravo di scansare allegramente l’effetto implacabile di sei ore di fuso orario e, forse, fosse stato per me, ci sarei anche quasi riuscita. Se non che la Creatura, dopo essere crollata a nanna prima dell’ora del TG, ha ritenuto opportuno puntare la sua sveglia interiore alle ore 3.30 di notte, reclamare a gran voce la colazione per un’ora e mezza, riuscire ad ottenerla all’alba delle 5, farsi i comodi suoi per un paio d’ore e, infine, ri-crollare addormentato nel suo letto.

E’ ovvio che ai fortunati genitori sia stato negato il privilegio del riaddormentamento mattutino, ragion per cui la giornata di oggi sia stata particolarmente sfidante, come dicono i geni dell’aziendalese. Da sedici ore non vedo l’ora di arrivare al momento in cui potrò infilarmi sotto il piumone per un ininterrotto sonno ristoratore che ponga serio rimedio alla sveglia delle 5 di ieri mattina, alle 12 ore di viaggio, alla notte insonne, alle infinite lavatrici che ancora mi attendono tra le valige sfatte e le montagne di abiti fuori stagione da sistemare.

E così, tra parentesi, nei piccoli spazi lasciati liberi dalla nebbia del jet-lag, ogni tanto fa capolino  quel che solo dovrebbe essere ricordato: mi pare proprio che la Thailandia sia un luogo bellissimo.

Annunci

4 pensieri su “JET LAG

  1. Wow complimenti siete riusciti a volare fino in Thailandia con un bambino di 3-4 anni! Noi abbiamo fatto tantissimi viaggi ma così lontano non siamo mai andati! Temo il viaggio(12 ore di areo) e la grande diversità sul cibo e il gatto che se dovesse succedere qualcosa non mi fiderei molto degli ospedali e saremmo lontanissimi da casa.
    Come è andata?

    Mi piace

    • Guarda, è stata la prima volta di un viaggio intercontinentale con il bambino e, fino ad ora, il problema più grande che abbiamo avuto concretamente è l’effetto del fuso orario al rientro! Per il resto, ti posso dire che io sono la preoccupazione fatta persona, per il cibo, i ritmi, le malattie esotiche e chi più ne ha….per cui capisco. Appena riemergo dal delirio racconterò un po’ sia dei preparativi che del viaggio

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...