QUATTRO

Sono quattro e, che dire? Poco questa volta.

Perché dovrei scrivere un post di perché, diventata, ormai da tempo, la tua parola preferita. Migliaia e migliaia di perché al giorno, anche di notte forse, pur se non ti sentiamo. Perché” continui, anche dove di “perché” non ce ne sarebbero affatto.

Forse per quello, da un po’, da Patato sei stato promosso a Pestilenza: nessuna tregua, nessuno scampo, nessuna pace. Mai 😉

E, come spesso ti dice papà, la tua fortuna è che sei bello ( ;-)) altrimenti saresti probabilmente finito da un pezzo nel ragù per le lasagne che ti piacciono tanto.

Faccio quasi fatica a credere che tu sia quello stesso che decise di arrivare in questo mondo, con un discreto anticipo rispetto al previsto, in un piovoso pomeriggio di agosto di quattro anni fa, dopo due giorni di ricovero, tre tentativi di induzione al parto, un’epidurale e un Cornetto Algida. Ché, come ho già detto, che le cose non dovessero essere semplicissime si poteva forse capire già dall’inizio.

Ciononostante fino ad ora siamo sopravvissuti e, quest’anno, abbiamo pure fatto, con piccolo anticipo, una festa di compleanno memorabile, valevole a recuperare anche quelle mancanti del tuo recente passato: quasi venti persone in casa e tua madre che ha scoperto di poter aprire una rosticceria (a Zurigo…si potrebbe pure valutare…)

Auguri Pestilenza ;-)!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...