NOSTALGIE?

Alcuni giorni fa una affascinante signora cinquantenne di origine indiana (che, tra parentesi, ha allevato due figli senza il benché minimo uso di antibiotici o farmaci di qualsivoglia genere e che, pertanto, ha fortemente stimolato la mia volontà di approfondirne la conoscenza), ha rivolto a me e al Marito una interessante domanda: avete nostalgia del tempo in cui vostro figlio era più piccolo?
Della fase del cucciolo inerme e indifeso, totalmente dipendente dai genitori e, in particolare, dalla mamma?
Il Marito, con pochissima esitazione, ha immediatamente risposto: “No. È molto meglio ora”.
Direi anche io la stessa cosa: ho troppa poca pazienza e vocazione al sacrificio materno per rimpiangere mesi e anni trascorsi tra notti insonni, pannolini da cambiare e pappe sputate ad oltranza.

Quasi certamente potrei sorvolare sugli ultimi due punti, ma sicuramente mai sul primo. La privazione di sonno protratta per un tempo indefinito, senza aiuti familiari e quando ancora lavoravo, temo abbia segnato in modo indelebile (e non in positivo, sfortunatamente) lunghi periodi della mia esperienza di madre. Quelli di cui, di solito, i genitori hanno negli anni i ricordi più teneri e commoventi, le immagini del loro neonato batuffolo coccolato e venerato a dispetto di qualsiasi altra umana vicenda.

Con la consapevolezza di ciò che sono è probabile che io sia madre migliore di un bambino un po’ cresciuto, con un minimo di coscienza di sé, autonomia e capacità di interazione col mondo circostante, non essendo persona che trova ragione della sua esistenza nel soddisfacimento dei bisogni altrui, neppure se si tratta di quelli di suo figlio in fasce.
E se, dal punto di vista razionale, non ho il minimo dubbio che ciò che affermo sia l’assoluta verità, mi resta ancora da spiegare quella strana sensazione che, a volte, mi coglie vedendo un bimbo neonato interagire col suo mondo, o entrando nei negozi specializzati dove, inevitabilmente, sono attratta in modo irresistibile dal reparto 0-12 mesi. Dove vorrei impulsivamente comprare tutte le tutine e i calzini dell’universo. Rigorosamente taglia zero.

Annunci

2 pensieri su “NOSTALGIE?

  1. Io sono sempre stata attratta irresistibilmente dai neonati, più piccoli sono più mi piacciono, e siccome i miei due figli non mi hanno fatto fare troppe notti insonni, quel periodo lo vedo sì con nostalgia. E’ quasi peggio ora, con la mia duenne che si sveglia spesso di notte, non faccio notti insonni, ma mi rendo conto della stanchezza del sonno continuamente interrrotto al lavoro, quando faccio errori sciocchi per pura distrazione. Alemno quando erano neonati io ero in maternità!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...