PERCHÈ???

Da circa ventiquattro ore il Patato, in graduale e antibioticizzatissima convalescenza, ha inaugurato la sua personale stagione dei “perchè?”
Nello spazio di un battito di ciglia siamo passati dalla raffica di “cos’è questo???” alla raffica di “Perchè? Perchè? Perchè???”
In questo momento la cosa potrebbe rappresentare un leggerissimo problema per la sottoscritta che, nel vortice del tour per arredamenti e complementi vari degli ultimi due giorni, pensa coscientemente di non essere in condizione di rispondere alla benché minima domanda. 
Figurarsi a quelle compulsive e, a tratti, lievemente sconcertanti, di un duenne e mezzo.
Da quando la suocera è arrivata in soccorso, dedicandosi al Patato 24 ore su 24, è partito il giro di ricognizione per lo shopping forzato
Una casa da arredare, e riempire almeno col minimo indispensabile, entro le prossime 3 settimane, quando un furgone provvederà a far attraversare la frontiera, verso il Paese degli orologi a cucù, ai beni familiari diretti 300 km a nord.
Il fatto è che la cosa, soprattutto da un punto di vista femminile, potrebbe anche essere divertente e costituire uno di quei pretesti per dar sfogo alle proprie frustrate smanie di acquisto. 
Che, tanto, ormai, un Euro in più o in meno, nell’oceano che ci attende, poco potrebbe cambiare (anche se qui, in effetti, ho in sospetto che il marito potrebbe non essere così d’accordo).
Ma c’è un fatto, non irrilevante. Che la sottoscritta è costituzionalmente molto poco portata per lo shopping compulsivo, soprattutto considerando di doverlo fare da sola, alla velocità della luce, prendendo decisioni istantanee e o lo più irreversibili. E in relazione ad una mole di cose che, forse, neppure quando ha arredato casa per la prima volta.
Sono state giornate di fuoco, terminate con ko tecnici, svenimenti sul letto alle dieci di sera e solo perchè prima di quell’ora non riusciva materialmente ad infilarsi sotto il piumone (p.s. Attenzione: piumone! E siamo al 5 aprile. Ma questa è ancora un’altra storia)
È ripiombata all’improvviso, e senza averne il minimo desiderio, nel mondo artificiale delle esposizioni di arredamenti, delle famiglie che ordinano cucine e camerette per pupattoli neonati, che testano divani e materassi saltandoci più o meno allegramente sopra. 
E si è trovata, sgomenta, a cercare di individuare la sostanziale differenza tra i punti di calore dei piumini d’oca e quelli delle trapunte sintetiche, cercando di capire esattamente quanti esemplari comprarne, tra camerette, divani letto e brandine varie per i familiari in visita.
E ha pensato che, forse, le competenze di Excel, che negli anni si è sempre rifiutata di sviluppare, sarebbero proprio tornate utili.
Ha scoperto, con un certo smarrimento, quello delle incrollabili sicurezze improvvisamente svanite, che le polpette sono davvero sparite dal menù del ristorante Ikea, sostituite da più innocue alette di pollo, pur servite con la bandierina svedese sopra.
E da due giorni, insieme alle domande strampalate di suo figlio, sta cercando di rispondere all’interrogativo più grande: qual è il collegamento tra le cosce di pollo arrosto e la cucina svedese.

Annunci

6 pensieri su “PERCHÈ???

    • Sì, Davvero! Anche io sono rimasta stupita, hanno tolto quasi tutto il menù svedese, anche i dolci. Ormai agli scandali alimentari non c’è confine!

      Mi piace

      • ah ecco perché, delle polpette avevo letto, ma l’ultima volta che sono andata ci sono rimasta male per il fatto che non ci fossero le aringhe e dolci svedesi, mi piacevano un sacco e per le aringhe a volte andavo apposta.
        Ma perché, mica ci sarà stata la carne di cavallo anche nelle aringhe?

        Mi piace

  1. Eran meglio le polpette, mai piaciute le alette di pollo!
    Ma dai che è bello fare shopping per arredare casa, mi rendo conto che non doverlo fare in fretta e furia sarebbe meglio, ma… puoi comprare quello che vuoi! Io nella casa “definitiva” non ho ancora una sala perché non c’è verso di accordarsi col marito…

    Mi piace

    • Ahia….almeno per quello io vado abbastanza serena, i gusti da noi coincidono abbastanza….questa volta però è davvero una maratona. Arrivo alla fine che non sono neppure più molto certa di quel che ho deciso di comprare 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...