OVERBOOKING

Abbiamo iscritto il Patato alla scuola dell’infanzia. Ed è già overbooking.
L’addetta alla segreteria mi ha gentilmente comunicato che i bambini aventi diritto per età anagrafica sono poco più di un centinaio, mentre le tre sezioni disponibili, sfruttando al massimo il loro potenziale, potranno accogliere al massimo un’ottantina di piccoli alunni.
Di conseguenza, qualora tutte le famiglie in questione facessero effettivamente domanda di iscrizione lì, non sarebbe possibile accogliere tutti. Sarebbe necessario procedere alla redazione di graduatorie, con la conseguenza che chi resta fuori, sorry, deve trovarsi un’altra soluzione. 
Sarà per la prossima volta.
Ora. Io ho già vissuto l’allucinante esperienza delle graduatorie dell’asilo nido.
Infatti il primo anno avevamo dovuto accontentarci della pessima esperienza di una struttura di ripiego. 
Si potrebbero scrivere libri sulla questione dei nidi, da molteplici punti di vista. Ma, anche potendo, non ne ho (più) molta voglia. Ormai è andata così, ci godiamo gli ultimi mesi nel nostro bell’asilo faticosamente conquistato, e poi si dovrà voltare pagina.
Appunto. Voltiamola, ‘sta pagina.
Nelle scorse settimane abbiamo ricevuto a casa una comunicazione del Comune che annunciava l’apertura delle iscrizioni alla scuola dell’infanzia, con tempistiche, orari, moduli da compilare eccetera eccetera.
L’assessore augurava a tutti i bambini e ai loro genitori un luminoso e proficuo futuro scolastico
Favoloso. E quindi?
Vado a iscrivere mio figlio e per prima cosa mi sento dire che potrebbero non esserci posti per tutti? O meglio: é certo che non ci saranno posti per tutti.
Si tratta solo di sperare di essere “fortunati”, o che altre famiglie facciano scelte diverse, scuole private, homeschooling o chissà che. E allora potrebbero esserci posti per tutti gli altri.
Sarà la vecchiaia, ma c’è una cosa che non ho capito. 
Questa qui la chiamano “scuola”. Hanno pure voluto cambiarle nome rispetto alla vecchia “materna” (che poi tutti continuano comunque a chiamare così). Forse lo consideravano di standing non sufficientemente elevato per la luminosa carriera dei pargoli.
È inserita nell’organizzazione di istituti scolastici pubblici, con personale dipendente dallo Stato a tutti gli effetti. È gestita con le regole delle scuole a tutti gli effetti.
E, a casa mia, una scuola pubblica per cui la tua famiglia paga le tasse, e a cui tu bimbo hai il diritto di andare (non voglio parlare dell’obbligo, dato che ancora qui non c’è), non ti può dire: “Mi spiace molto, ma per te qui non c’è posto. Sarà per l’anno prossimo, forse”.
Indipendentemente dai criteri, dalle fortune o sfortune della tua famiglia o tuoi, dai soldi che hai o non hai.
Altrimenti chiamatela in un altro modo. Chiamatela “giardino d’infanzia” o “giochiamo tutti insieme”.
La scuola è un diritto di tutti, o almeno dovrebbe esserlo nei Paesi civili.
Che Paese siamo diventati?

Annunci

2 pensieri su “OVERBOOKING

  1. Hai ragione, però, purtroppo, quello che chiami overbooking c’è anche nella scuola dell’obbligo: ho iscritto giorni fa mia figlia alla prima classe della scuola primaria (la vecchia scuola elementare che ha solo cambiato nome) e nel modulo online bisognava indicare altre due scuole, nel caso nella scuola prescelta gli alunni iscritti fossero troppi e non fosse possibile ammettere tutti. Ripeto: scuola primaria, scuola dell’obbligo!

    Mi piace

    • Appunto, la cosa non mi consola affatto, anzi 😦 E ripeto: ma come ci siamo ridotti se non siamo più neanche in grado di offrire un sistema di istruzione dignitosi ai nostri figli?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...