LEGGERE A TRE ANNI?

Avete mai sentito parlare di Glenn Doman? Io no, fino a poche settimane fa, quando un conoscente di mio marito ha impegnato un’intera pausa pranzo nel raccontargli come l’applicazione del metodo creato da questo fisioterapista statunitense abbia consentito ai suoi figli di imparare a leggere a tre anni di età.
Al contrario della sottoscritta che, di principio, e’ spesso abbastanza scettica rispetto a quelle che definisce “stravaganti americanate”, il consorte e’ un ottimista ed entusiasta di natura e ha immediatamente provveduto a procurarsi il libro nel quale viene illustrata la teoria di cui sopra. E’ ovvio, poi, che la lettura sarebbe toccata a me, lettrice ufficiale della famiglia.
Ho affrontato il testo nei giorni scorsi e, a dispetto dell’iniziale pregiudizio non esattamente positivo, ci ho trovato senza dubbio interessanti spunti di riflessione.
E’ importante premettere che Glenn Doman aveva iniziato a lavorare negli anni sessanta con bambini gravemente cerebrolesi, fondando a Philadelphia gli “Istituti per il raggiungimento del capitale umano” e creando un metodo che ha prodotto ottimi risultati per il loro sviluppo relazionale, in situazioni classificate come irrecuperabili da parte della società medica del tempo.
Gli studi portati avanti sui bambini disabili hanno, in realtà, permesso capire molto anche dello sviluppo neurologico dei bambini sani. E proprio di questo parla il libro che ho letto “Leggere a tre anni. I bambini possono, vogliono, devono leggere“.
Il presupposto su cui tutto si basa e’ il fatto che la capacita’ del cervello umano di acquisire competenze, particolarmente di tipo linguistico, e’ massima dalla nascita al quinto anno di vita e, soprattutto, che tale capacita’ e’ ulteriormente agevolata dall’innata, grandissima curiosità che i bambini piccoli hanno verso tutto ciò che li circonda.
Lo scopo di insegnare a leggere in così tenera età, infatti, non e’ certo finalizzato a far diventare il bambino un piccolo e odioso genio disadattato (come molti pensano parlando di questo genere di argomenti), ma, al contrario, a dare ai piccoli tutti gli strumenti per entrare meglio, e con meno fatica, nel fantastico mondo della lettura, regalando loro un preziosissimo strumento di conoscenza, autonomia e soprattutto DIVERTIMENTO. Eh si, perche’ pare proprio che, se portato avanti nel modo corretto, il metodo Doman sia per i bimbi un favoloso divertimento, molto lontano dai ricordi di noia e fatica che molti adulti hanno dei loro anni di scuola.
Ho quindi deciso che ci rifletterò su un altro po’ e che, se riterrò presenti tutte le condizioni ottimali, proverò nei prossimi mesi ad applicarlo col Patato, visto che l’età ideale per iniziare sembra proprio essere quella intorno ai due anni.
Qualcuno di voi ha mai sperimentato qualcosa di simile? E, nel caso, con quali risultati?

Annunci

10 pensieri su “LEGGERE A TRE ANNI?

  1. Molto interessante! Io non ho ancora provato, ma in effetti mi rendo conto che mia figlia, 3 anni, guarda le lettere e i numeri con interesse, e più volte mi sono chiesta “dovrò iniziare a insegnarle a leggere?”. In effetti se la cosa può essere vissuta come un divertimento, ancora meglio. Leggerò di sicuro il libro. Ciao!

    Mi piace

  2. M. ha imparato da sola a leggere e scrivere tra i 3 e i 4 anni: lentamente, sorprendendomi ogni volta, ha iniziato con le lettere, poi le sillabe, e quasi subito le parole. Ha seguito un metodo tutto suo, si è interessata e “applicata” da sola, di tanto in tanto veniva da me a chiedere conferme. Dopo aver imparato a scrivere, la lettura è arrivata di conseguenza. Non ha mai smesso di coltivare questo suo interesse, e verso la fine della scuola materna le domande che mi faceva erano sui suoni “gh”, “sc”, “ch” ecc. In prima elementare le hanno regalato “scarabeo” a natale: alla prima partita mi ha stesa componendo la parola “ghianda”. Adesso che ha 9 anni divora libri, e scrive un diario. Con i numeri invece è andata diversamente: periodo scuola materna, ha voluto imparare a contare fino a 10 e si è ritenuta soddisfatta, il resto è arrivato solo a scuola, ma che palle fare i compiti di matematica!

    Mi piace

    • Sembra proprio una dimostrazione della teoria portante del libro: per i bambini imparare a leggere e’ la cosa più naturale e divertente in assoluto e a volte trovano da se’ il modo di farcela 🙂

      Mi piace

  3. la leggenda vuole che io lo abbia fatto, iniziare a leggere a 3 anni. dico leggenda perchè ora che ho un bambino di 3 anni lo guardo e mi sembra così inverosimile che possa già leggere! oppure sono io che lo voglio ancora piccolo 🙂 perchè in realtà i numeri li legge bene da un bel po’ e proprio ieri l’ho beccato che cercava di leggere i decimali: “2 e poi 1, mamma, è venti?”.
    la leggenda narra che sia successo per caso. 1 mese di ospedale, a 3 anni, con accanto una bambina di 6 a cui portavano i compiti da fare. E io curiosa come una scimmia. Evidentemente si può. Capita.
    Ma mi fanno paura i metodi. E se poi il bambino non riuscisse? e se per lui i tempi non fossero quelli? o semplicemente – come tutti i metodi – quello potrebbe non essere adatto a lui!
    Ma come potrebbe reggere il peso della delusione del genitore?
    Per me, stimolarli è giusto e anche divertente, ma il metodo… mah…

    Mi piace

    • Per come ho interpretato il libro il metodo e’ solo un suggerimento, testato dall’esperienza della equipe di Doman coi bambini disabili e, per questo, tanto più efficace con i “sani”. Ma nulla vieta di raggiungere lo stesso risultato con altre modalità, infatti sono diverse le testimonianze di chi ” per caso” ha insegnato o aiutato i propri figli ad imparare a leggere. E il tutto deve essere rigorasamente un gioco, altrimenti si perde completamente il senso della cosa che, al contrario, rischia di diventare controproducente. Il bambino non si diverte o non ne ha voglia? Rigorosamente lasciar perdere!

      Mi piace

  4. Con la mia di 16 mesi funziona talmente bene che mi son fatta programmare un’app da mio marito basata sul metodo doman. In pratica dentro ci sono i “cartoncini” in formato virtuale. Per chi volesse provarla è gratis:

    https://play.google.com/store/apps/details?id=com.blion.games.leggere&feature=search_result#?t=W251bGwsMSwyLDEsImNvbS5ibGlvbi5nYW1lcy5sZWdnZXJlIl0.

    Fermo restando che per applicare il metodo il libro bisogna acquistarlo!

    Mi piace

    • Sono una ex bambina su cui è stato sperimentato il metodo Doman prima dei tre anni… direi che con me ha funzionato bene (insegno letteratura italiana e leggo indefessamente da 44 anni con grande piacere). A 13 anni ho usato il metodo per insegnare a mia sorella che ne aveva 3. Anche lei è stata ricettiva. Forse un caso (2 casi) o una predisposizione “naturale”, però non credo proprio che il metodo faccia male! Basta usarlo con allegria, come un grande e divertente gioco.

      Mi piace

  5. Il mio a 3 anni e mezzo conosce e legge numeri fino a 1000 e legge le frasi minime. ha fatto tutto da solo..o quasi…e tutti ci credono dei fissati..dagli amici alle maestre d’asilo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...