DELUSIONI SABBATICHE

Mi hanno annullato il corso di cucina. Due lezioni in agenda nelle prossime due settimane, il regalo di mio marito per il compleanno. Avevo scelto il corso un paio di mesi fa e stamattina mi hanno telefonato dicendo che non e’ stato raggiunto il numero minimo di partecipanti, quindi sono costretti a cancellare il tutto.
Ora, mi rendo perfettamente conto che, forse, luglio non e’ proprio il mese migliore per questo genere di attività. Ci pensavo qualche giorno fa, dicendo tra me e me che, magari, iniziare con l’autunno sarebbe stato meglio. Per questioni esclusivamente climatiche: passare tre ore davanti ai fornelli con fuori più di trenta gradi può non essere il massimo della vita, mentre il menu’ si adatta tranquillamente alle diverse condizioni stagionali.
Eppure luglio si adattava strategicamente alle mie esigenze sabbatiche. Tornata dal mare, con il Patato al nido sino a fine mese e senza vie di fuga alternative dalla città, un paio di mattine da dedicare alla cucina non mi erano sembrate una così brutta idea.
Ovviamente potrò recuperare in un altro momento, la scuola propone corsi a getto continuo, di tutti i tipi e per tutti i gusti. Magari potrò sperimentare qualcosa di più “sostanzioso” rispetto al menù dell’estate, qualcosa che metterà alla prova le mie capacita’ culinarie, in realta’ tutte da dimostrare. Niente di grave, quindi, men che meno di irrimediabile.
Ma un po’ mi dispiace. Già mi ci vedevo col grembiulione, in una vera cucina da chef.
Evidentemente il caso ha voluto dimostrare in modo inconfutabile un pensiero che mi frulla in testa da qualche giorno: luglio non e’ fatto per lavorare. Dovrebbe essere per legge universale il mese del riposo e della siesta non stop (anche dal lavoro di madre, naturalmente :-)! ) Troppo caldo per qualsiasi attività sensata.
Dopo tutto e’ il settimo mese dell’anno e, come il settimo giorno della settimana, pretenderebbe un certo riguardo.

Annunci

3 pensieri su “DELUSIONI SABBATICHE

    • Una bella petizione? perche’ no?! Dopo tutto mi sa tanto che da un certo punto di vista (non quello delle madri, ovviamente) non siamo poi così lontani. In città sembra il deserto, manco fossimo gia’ a ferragosto! Mica c’era la crisi e nessuno andava in vacanza? Qualcuno prima o poi ‘sta cosa me la dovrà spiegare…

      Mi piace

  1. ecco, se te la spiegano condividi, grazie! pare che la risposta più comune sia “c’è la crisi, infatti vanno tutti via a luglio perché costa meno”. ma allora perché la città è deserta anche ad agosto?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...