IL SONNELLINO AUTOGESTITO

Allora e’ vero. Quando ti dicono che arrivano momenti in cui inizi a vedere la luce in fondo al tunnel. Quando vedi che tuo figlio con piccoli, quasi impercettibili, segnali diventa grande. E non sono tanto – o non solo – le tappe più tipiche, o quelle che gli adulti considerano tali (camminare, mangiare da solo, parlare), quanto quegli eventi che costituiscono un simbolico punto di rottura con “prima”, un segnale di evoluzione di situazioni spesso problematiche, segnate da lunghi mesi di fatica e punti interrogativi.
“Poi cresce” ti dicono tutti. E in quel “poi cresce” sono racchiuse grandi speranze per tuo figlio. L’attesa di vederlo diventare consapevole di se’ stesso nel mondo. E si e’ convinti che questi grandi obiettivi si raggiungano grazie a piccoli, graduali passi.
Come dormire di più e meglio, senza necessita’ del costante intervento di mamma e papà. Da qualche giorno il Patato sembra aver trovato il modo di gestirsi (quasi) autonomamente il sonnellino pomeridiano. Arriva all’ora di pranzo sensibilmente provato dalla vita di spiaggia, tra travasi, corse, bagni. Alle undici e trenta al massimo scatta la ritirata verso casa, che se no rischiamo il tracollo pre-pranzo con conseguente digiuno per sfinimento. Adesso si mangia tutti insieme, per fortuna, grande regalo delle vacanze. Ed ecco che, terminato il pasto, dopo qualche minuto di gioco tra il soggiorno e il balcone, il Patato raduna le ultime forze per reclamare a gran voce “CIUCCIO!” e poi salire sul divano, dove, appoggiando la testina sul cuscino, piano piano si abbandona al meritato riposo. Con un librino in mano, visto che pare ben indirizzato verso le letture. Passano pochi minuti ed ecco che gli occhi si chiudono, il respiro diviene più profondo ed entra a buon diritto nel suo mondo dei sogni.
E i genitori li’, a guardarlo inebetiti, come fosse il più bel miracolo mai realizzato su questa terra.

P.S. Pareva troppo bello che il trend positivo si confermasse stabile per tutti i giorni successivi. Oggi l’addormentamento pomeridiano si e’ rivelato ben più complesso e articolato. Il divano non e’ stato sufficiente, si e’ reso necessario l’intervento della mamma 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...